mercoledì 21 ottobre 2009

Orsola

Significato: forte come un orso.
Chi porta questo nome eredita la forza unita a prudenza dell'orso.
L'onomastico viene festeggiato in ricordo di S. Orsola, martirizzata a Colonia dagli Unni, insieme a undici vergini.

Viene invocata contro la tachicardia e per ottenere una buona morte.
Vengono usate, come varianti, anche Ursula e Ursola.



Oggi si festeggia anche S. Gaspare del Bufalo.
Nato a Roma il 6 gennaio 1786 da Antonio ed Annunziata Quartieroni, fin dai primi anni si fece notare per una vita dedita alla preghiera e alla penitenza e per segni non dubbi della chiamata alla vita religiosa.
Tentò anche di fuggire di casa per recarsi ad evangelizzare i pagani, sognando la gloria del martirio.
Completati gli studi presso il Collegio Romano che in quei tempi, data la soppressione della Compagnia di Gesú, era diretto dal clero secolare, nel 1798 indossò l'abito talare e si diede ad organizzare opere di assistenza spirituale e materiale a favore dei bisognosi. Si deve a lui la rinascita dell'Opera di San Galla, della quale fu eletto direttore nel 1806.
Ordinato sacerdote il 31 luglio 1808, intensificò l'apostolato fra le classi popolari fondando il primo oratorio in S. Maria in Pincis e specializzandosi nella evangelizzazione dei "barozzari", carrettieri e contadini della campagna romana, che avevano i loro depositi di fieno nel Foro Romano, chiamato allora Campo Vaccino.

Nessun commento:

Posta un commento