giovedì 14 gennaio 2010

Risotto alla milanese...e divenne leggenda


Nel 1574, per la Fabbrica del Duomo di Milano, lavorava un tale Valerio di Fiandra, maestro vetraio.
Uno dei suoi discepoli spiccava per la straordinaria abilità nel dosare i colori ottenendo effetti sorprendenti. Il segreto? Aggiungeva un pizzico di zafferano all'impasto già pronto. Tant'è che mastro Valerio lo canzonava, dicendo che prima o poi avrebbe finito per metterlo anche nel risotto. E cosi fu.
Al matrimonio della figlia di Valerio, il giovane decise di fargli un tiro mancino, spruzzando davvero della polverina gialla nel risotto del pranzo di nozze.
Grande fu lo stupore dei commensali quando, superate le prime titubanze, assaggiarono lo strano piatto color zafferano e lo gradirono moltissimo: era nato il risotto alla milanese.



Zone italiane con marchio Dop (Denominazione di origine protetta):
Zafferano dell'Aquila
Zafferano di S. Giminiano (SI)
Zafferano di Sardegna

da "Speciale News" n. 1 - gennaio 2010

1 commento:

  1. Bella questa storia, non la conoscevo. E' un sacco di tempo che non faccio il risotto alla milanese. Da mettere in nota con degli ossi bucchi, quando avrò digerito le ultime fatiche in cucina!
    Bacioni

    RispondiElimina