venerdì 5 marzo 2010

“I De Agostini e la Cartografia – 120 anni di cartografia in Italia”


Il Politecnico di Milano ospiterà la mostra “I De Agostini e la Cartografia – Centoventi anni di cartografia in Italia”, organizzata dalla Famiglia De Agostini con il patrocinio e il contributo dell’Assessorato al Turismo Marketing Territoriale, Identità del Comune e la collaborazione dell’Università di Milano.

Sono passati oltre 120 anni da quando Giovanni De Agostini ha introdotto la moderna cartografia in Italia, permettendo così al lettore di veder rappresentato su carta tutta la natura e la morfologia del terreno e di immaginare il mondo che lo circondava. L’obiettivo della mostra è quello di “tornare al punto di partenza”, riflettendo su come i nostri predecessori intendevano la cartografia e sul contributo che gli stessi hanno dato alla nostra cultura, ma allo stesso tempo di “guardare avanti”, unendo le conoscenze del passato e le meraviglie della nuova tecnologia.
L’esposizione comprende cinque parti tematiche: la prima parte mostra esempi della cartografia di Tolomeo, di cartografia araba (Al Idrisi, ecc.), di cartografia tardo medioevale, del XV°- XVI° e XVII° secolo.
Il visitatore viene catturato dalla visione di antiche carte geografiche e da un atlante del XVI° secolo (Ruscelli edito a Venezia).
Si può osservare come, pur mancando validi strumenti di misurazione, il cartografo riusciva già a dare una valida forma alle Terre cartografate

fino al 27 marzo 2010

Politecnico di Milano
Campus Bovisa
Via Durando 10

Nessun commento:

Posta un commento