mercoledì 10 marzo 2010

Il lago dei cigni - Teatro degli Arcimboldi

26.03.2010 Ore 21:00
27.03.2010 Ore 21:00
28.03.2010 Ore 16:00


Teatro degli Arcimboldi
Viale dell'Innovazione, 20
Milano

IL LAGO DEI CIGNI

Musica Pëtr Il’ič Čajkovskij
coreografia PETIPA-IVANOV
ripresa da VICTOR YAREMENKO
COMPAGNIA DEL BALLETTO UCRAINO E DELLA MACEDONIA
Primi solisti IANA SALENKO e DINU TAMAZLACARU

BALLETTO IN QUATTRO ATTI
Atto I
Il principe Siegfried festeggia il suo ventunesimo anno di età nel parco del suo castello mentre la madre lo rimprovera e gli chiede di prendere moglie. La festa continua tra le danze e il principe vi partecipa. In lontananza compare un volo di cigni: vi sarà una battuta di caccia.

Atto II
La scena si sposta al lago, dove un mago sta curando i suoi cigni: questi sono incantati. A mezzanotte infatti si trasformano in incantevoli fanciulle: non appena il principe e gli altri cacciatori iniziano la battuta di caccia, una giovane, Odette, la regina dei cigni, in sembianze umane appare davanti a loro per proteggere i cigni. Siegfried decide dunque di invitarla al suo ballo per le nozze, ma la regina è sotto un incantesimo e non potrà sposarlo. Il principe, nonostante l'incantesimo, giura fedeltà ad Odette. All'alba il mago richiama a sé i cigni.

Atto III
Tutti gli invitati arrivano in corteo e Sigfried, insieme alla madre, cerca una possibile moglie. Sei ragazze ballano per il principe, che però rifiuta cortesemente. Inizia allora l'intrattenimento per gli invitati a corte, con danze folcloristiche.
Al ballo, annunciati dalle trombe, arrivano il mago e sua figlia, Odile, alla quale ha dato le sembianze della regina dei cigni, Odette. Dopo un passo a due Siegfried dichiara il suo amore per Odette, alla presenza però di Odile trasformata: la regina dei cigni cerca invano di metterlo in guardia attraverso una visione magica, ma ormai la dichiarazione è fatta.La sala da ballo si oscura e il mago scoppia in una fragorosa risata.

Atto IV
Sulle rive del lago le fanciulle cigno sono tristi per Odette che piange per il destino a cui è stata condannata. Giunge Siegfrid che, disperato e pentito per il tradimento, implora il suo perdono. Odette sta morendo. I due innamorati si immergono nelle acque del lago, sconvolte dalla tempesta scatenata da Rothbart, che li sommergono ma i loro spiriti uniti si levano al di sopra del lago tornato calmo.

Nessun commento:

Posta un commento