mercoledì 10 marzo 2010

San Macario di Gerusalemme, Vescovo

Vescovo di Gerusalemme dal 313 al 334
Macario vive come vescovo un momento importantissimo. Dopo l'ultima persecuzione anticristiana, ordinata e poi disdetta dall'imperatore Galerio (anni 305-311), i suoi successori, Costantino e Licinio, danno ai cristiani piena libertà di praticare la loro fede, di celebrare il culto, di costruire chiese.
È la "pace costantiniana" estesa a tutto l'Impero, e dunque anche a Gerusalemme, dove Macario si mette al lavoro; ottiene dal sovrano il consenso per abbattere il Campidoglio, e così fa tornare alla luce l'area del Calvario e del Sepolcro. Su di essa sorgerà più tardi la basilica grandiosa della Risurrezione. Qui verrà in pellegrinaggio anche Elena, la vecchia madre di Costantino, prima di una serie infinita di pellegrini.



Altri Santi del giorno:

Santi Caio ed Alessandro Martiri ad Apamea
Beato Giovanni Delle Celle Abate
San Giovanni Ogilvie Martire
Santa Maria Eugenia di Gesù (Anna Milleret de Brou) Fondatrice
San Vittore Martire in Africa

Nessun commento:

Posta un commento