lunedì 5 aprile 2010

"Storie d’Italia. Gualtiero Marchesi e la Grande Cucina Italiana" a Milano al Castello Sforzesco

Marchesi, il cuoco italiano per eccellenza si racconta nella mostra dal 17 aprile al 20 giugno 2010 a Milano e si sviluppa su più piani:
- l’esposizione vera e propria che occuperà tre sale per un totale di circa settecento metri quadrati,
- le dimostrazioni pratiche sulle tecniche che insieme fanno il mestiere del cuoco,
- una serie di incontri per professionisti, appassionati e curiosi di prodotti e preparazioni, cibo e cucina.

L’intero programma avrà per leit motiv il numero sette come le note musicali della scala diatonica, come i giorni della settimana o le pennellate dell’opera dell’artista Hsiao Chin che diventa la copertina del menu del ristorante Gualtiero Marchesi in Bonvesin de la riva e manifesto di un nuovo modo di pensare il pasto come successione di contrasti ed emozioni.

Le 7 sezioni del percorso espositivo:
1. Terra d’acqua - Radici: Corte Olona e San Zenone Po
2. La strada e il mercato - L’universo agroalimentare, la materia
3. Strumenti e Tecnica - Pentole, cottura e preparazione
4. Occhio e Mano - Tavola, piatti, posate, bicchieri, …
5. Insegnare - Bottega-laboratorio: la brigata e i solisti. La scuola: Alma
6. Il gusto dei luoghi: Esperienze e interazioni. Rimandi alla cucina regionale italiana e ai ristoranti di Marchesi in luoghi diversi, Milano e Roma, Parigi e Franciacorta
7. La cucina italiana: La filosofia di Marchesi dalla nouvelle cuisine alla cucina totale, con l’esordio della nuova cucina italiana ormai famosa in tutto il mondo

Lungo il percorso sono inseriti cinque accidenti (così si chiamano nella scrittura musicale i tasti neri), altrettanti rimandi a persone e discipline che occupano un posto di primo piano in Marchesi e nella cultura enogastronomica:
Chimica e Fisica - Eugenio Medagliani; (vedi foto)
Parola - Luigi Veronelli;
Architettura - Carlo Cagnoni;
Musica - Cassisa/Marchesi; Arte - Aldo Calvi (amico fraterno di Marchesi mancato prematuramente a cui, a differenza degli altri, sarà dedicato uno spazio definito, una piccola mostra nella mostra).

Presenti anche opere di artisti che hanno avuto relazione diretta con Gualtiero Marchesi o alle cui opere il maestro si è ispirato per alcuni piatti loro dedicati: Lucio Fontana, Alberto Burri, Piero Manzoni, Giancarlo Vitali, Velasco, Enrico Baj, Hsiao Chin, Salvatore Sava.


MILANO, Castello Sforzesco - Sale Viscontee
17 aprile - 20 giugno 2010
Orari: 9 - 17.30 – chiusura: lunedì
Ingresso: intero 5 euro; ridotto 3 euro

http://www.marchesi.it/

Nessun commento:

Posta un commento