martedì 3 agosto 2010

Il Chiarismo Lombardo e De rocchi a Palazzo Reale




Fino al 5 settembre 2010 è aperta a Palazzo Reale la mostra “Il Chiarismo. Omaggio a De Rocchi – Luce e colore a Milano negli anni Trenta”, promossa dal Comune in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano.

La mostra, curata da Elena Pontiggia, ospita centodieci opere e si divide in due parti: la prima esamina il chiarismo; la seconda un protagonista del movimento, Francesco De Rocchi (Saronno 1902 - Milano 1978) e rappresenta la più grande antologica mai dedicata all’artista.

Il termine chiarismo, coniato nel 1935 da Leonardo Borgese, si riferisce ad alcuni giovani - Angelo Del Bon, Francesco De Rocchi, Cristoforo De Amicis, Umberto Lilloni, Adriano Spilimbergo, Renato Vernizzi, Goliardo Padova, Oreste Marini e altri - che nei primi anni Trenta, a contatto con il critico Edoardo Persico, lavoravano a una pittura dai colori chiari e dal segno leggero e intriso di luce, che oltrepassa il chiaroscuro del Novecento in nome di un colore carico di sentimento e di inquietudine. La loro è un’arte neo-romantica che subentra a quella neo-classica del decennio precedente.

De Rocchi, in particolare, nei primi anni Trenta dipinge opere tra le più poetiche del periodo, impostate su tonalità rosa, ocra dorato e avorio che guardano a Modigliani, ma anche a Simone Martini, Luini, Gaudenzio Ferrari. Con i suoi colori dell’aurora, come vennero chiamati, crea un mondo di figure umili e stupefatte: angeli adolescenti, castellane, bambini, contadini, ispirati a quanto vede nel piccolo borgo di Cislago dove vive.

La mostra muove dai precursori del chiarismo - Renato Birolli, Aligi Sassu, Luigi Broggini, Pio Semeghini - presentando fra l’altro il Taxi rosso (1932) di Birolli, i Dioscuri (1931) di Sassu e il Nudo verde (1934) di Broggini.

Sono poi esposte tutte le opere più significative del chiarismo, dallo Schermidore di Del Bon, che nel 1934 vinse il Premio Principe Umberto, a Lania (1936) di Spilimbergo; da Periferia di Milano (1930) di Lilloni alla monumentale Composizione in azzurro (1936) di De Amicis.

Conclude la rassegna l’antologica di De Rocchi che comprende tutti i dipinti più importanti dell’artista, come la suggestiva Figura del concerto (1931), in cui ritrae la giovane moglie nelle vesti di un angelo; Venere che si specchia (1932); La fanciulla dei colombi (1931), amata da Carrà; L’angelo musicante (1933), apprezzato dal poeta Sergio Solmi; Mia figlia, inviato alla Biennale di Venezia del 1934; il gigantesco Foro Romano (1936), eseguito per decorare una libreria.

Molti gli inediti esposti, tra cui il Taxi rosso sulla neve (1931), capolavoro del primo Birolli, e il suo Arlecchino musicante (1931), ritrovati durante i lavori di preparazione della mostra; una Testa di ragazzo (1931) di Sassu, appartenuta a De Rocchi; un Nudino (1941) di Del Bon; Cislago (1930), Ragazza con la mandola (1936) e Figura sdraiata (1939) di De Rocchi, oltre a vari dipinti mai più visti dopo gli anni Trenta.

Accompagna la rassegna un catalogo Skira, con saggi della curatrice Elena Pontiggia e di Viviana Birolli, Stefano Crespi, Lorella Giudici, Marta Mirra, Manlio Paganella e una testimonianza di Pier Rosa De Rocchi.

Fino al 05/09/2010
Palazzo Reale - Museo
Piazza Duomo, 12
20121 Milano

Orario
Lunedì dalle ore 14.30 alle ore 19.30;
da martedì a domenica dalle ore 9.30 alle 19.30;
giovedì aperto sino alle ore 22.30.
La biglietteria chiude un'ora prima.

Ingresso
da euro 6,50 a euro 8,00

3 commenti:

  1. molto interessante , purtroppo non vado a milano , forse in ottobre.....peccato amo i musei
    baci

    RispondiElimina
  2. Interessantissimo evento e immagini stupende! Baci e felice giornata

    RispondiElimina
  3. Ciao cara!! Linka pure le mie ricette!! Non può altro che farmi piacere!! A presto bacioni.

    RispondiElimina