mercoledì 29 settembre 2010

MI JAPAN 2010



Per la prima volta il vero Giappone a Milano.
Milano Japan Festival crea un evento completamente nuovo. Cavalcando l'onda dell'incredibile Japanese boom - 200 ristoranti japanese style nella sola Milano contro i 15 di pochi anni fa', l'incredibile diffusione di alcune mascotte nipponiche (Hello Kitty su tutti), la passione per i manga - espone un Giappone che non e piu solo tecnologia e cartoon, ma anche cultura del cibo e diffusione di nuovi trends, nuovi stili di vita. Fiera evento unica nel suo genere, per la prima volta riunisce tutte le espressioni e le potenzialita' della cultura giapponese.


INFO
Location Umanitaria
San Barnaba n°38


Milano

da venerdi a domenica
dalle 10.00 alle 22.00

contributo 8 euro

martedì 28 settembre 2010

19° Festival di Milano Musica





domenica 3 ottobre 2010
ore 20.00
Teatro alla Scala
Filarmonica della Scala


Frédéric Chaslin, direttore



Gérard Caussé, viola


Fartein Valen (1887-1952)
Le cimitière marin op.20 (1934)

Hugues Dufourt (1943)
Le Cyprès blanc (2003/4)

per viola solista e grande orchestra
Prima esecuzione in Italia

Jean Sibelius (1865-1957)
Sinfonia n. 5 in mi bemolle maggiore op. 82 (1915)

Abbonamenti e biglietti:
Abbonamento Festival (10 concerti) da € 40 a € 160
Abbonamento Hugues Dufourt (6 concerti) da € 60 € 96
Biglietti da € 8 a € 20
call center – 899 666 805 http://www.vivaticket.it/ (con il 14 % di prevendita)

Info e prenotazioni:
02.861.147 (ore 12.00-18.00) - biglietteria@milanomusica.org

http://www.milanomusica.org/

lunedì 27 settembre 2010

Maestri del Gioiello


2a Esposizione di Artigianato Artistico Orafo di Qualità
dal 1 al 4 ottobre 2010

Palazzina Liberty

(Corso 22 Marzo - L.go Marinai d'Italia)
Milano
http://www.maestridelgioiello.it/


Ingresso al pubblico gratuito

Orari apertura mostra:
Venerdì 1 Ottobre: 17.00 – 21.00
Sabato 2 Ottobre: 10.00 – 20.00
Domenica 3 Ottobre: 10.00 – 20.00
Lunedì 4 Ottobre: 9.00 - 13.00
Minirecital musicale di arpa e flauto Venerdì ore 18.30, Sabato e Domenica pomeriggio
Ristorazione interna.

La Mostra “Maestri del Gioiello”, ideata e promossa dall’Associazione Culturale e Artistica Iperbole con il supporto organizzativo di Eventi doc di Myriam Vallegra, è patrocinata da Comune di Milano, Provincia di Milano, Regione Lombardia, Camera di Commercio di Milano, Consolato
della Svizzera, Consolato del Perù.

"Maestri del Gioiello" è un evento importante e significativo per il settore dell'alta oreficeria artistica e per gli appassionati del gioiello d'arte ed è, dall’anno scorso, la prima mostra nella città di Milano specifica esclusivamente sul gioiello di alta oreficeria artigiana.

E' l'occasione per incontrare i Maestri orafi di persona, conoscere le tecniche orafe ed ammirare le splendide e prestigiose creazioni artistiche, dagli stili antichi, quali quelli di ispirazione longobarda, celtica, etrusca e bizantina, fino agli stili più personali ed ai più contemporanei, ma sempre di elevata manifattura e tecnica e realizzazione rigorosamente manuale.

Ci saranno inoltre dimostrazioni dal vivo di tecniche orafe, approfondimenti video sulla progettazione ed il disegno di un gioiello, premio Jacopo da Trezzo dal titolo "Energia: gioielli in
movimento", musica ed allestimenti particolari.

martedì 21 settembre 2010

Caravaggio e altri pittori del '600








23 ottobre 2010 - 27 marzo 2011

Il Wadsworth Atheneum di Hartford, nel Connecticut, è il più antico museo americano, ancora oggi uno dei più importanti, con una collezione folta di capolavori che spazia dai maestri dell’arte europea soprattutto del Seicento e del Settecento, una fondamentale sezione impressionista, una grande parte dedicata all’arte americana dell’Ottocento e una sezione dedicata alla pittura del XX secolo, che parte da Matisse, Picasso e Klee, tocca in modo ampio il Surrealismo di Magritte, Dalí, Ernst e Tanguy giungendo fino a Pollock, Rothko e Wyeth in America.
Considerato che nel 2010 si compiono i 400 anni dalla morte di Caravaggio, Castel Sismondo ha scelto di ospitare, nel tempo stesso della mostra Parigi. Gli anni meravigliosi, una seconda, straordinaria esposizione dal titolo Caravaggio e altri pittori del Seicento. Capolavori dal Wadsworth Atheneum di Hartford. Si tratta di una sublime selezione di quindici dipinti, tutti di grande formato, da quel nucleo così importante che nel museo americano è dedicato proprio al Seicento. Naturalmente originando da quel capolavoro indimenticabile che è L’estasi di San Francesco di Caravaggio, primissimo quadro di soggetto religioso dipinto dal grande artista attorno al 1594.
Si tratta della prima composizione di Caravaggio impostata su più figure, è il suo primo dipinto di carattere religioso, il suo primo esperimento di ambientazione paesaggistica e uno dei primi esempi in cui l’artista utilizza la luce sia in senso letterale, per illuminare la scena, sia in senso figurativo, come metafora della presenza divina. Ogni aspetto di quest’opera è eccezionale e innovativo. Il modo in cui l’artista interpreta l’estasi che accompagnò la morte metaforica di Francesco e la sua rinascita spirituale nell’immagine di Cristo è alquanto insolita per l’assenza del serafino celeste, per la posa del santo non inginocchiato in preghiera bensì riverso e per la presenza del grazioso angelo fanciullesco. Caravaggio volle chiara
mente alludere alla morte metaforica di Francesco e alla sua rinascita spirituale nell’immagine di Cristo. Nel dipinto sono proposte in modo esplicito le analogie tra la vita di Francesco e quella di Cristo: le figure intorno al fuoco ricordano l’annuncio della nascita di Gesù ai pastori, l’abbraccio di sostegno da parte dell’angelo è basato sulle rappresentazioni dell’agonia nell’Orto degli Ulivi e la posa di Francesco, atteggiato come il corpo della Pietà, richiama l’immagine di Cristo morto sostenuto dagli angeli. Il gesto dell’angelo, con l’indice e il pollice agganciati intorno al cordiglio del santo in modo da volgerlo verso l’osservatore per rendere visibili le ferite, sottolinea, insieme all’estatico mancamento della morte e della rinascita spirituale di Francesco, il ruolo di quest’ultimo come imitatore di Cristo.
Attorno a questo dipinto capitale, la mostra si compone di opere di opere insigni di autori che da Caravaggio hanno tratto esempio; Cigoli, Morazzone, Gentileschi, Strozzi, Saraceni in Italia. Quindi in ambito spagnolo Zurbarán, con una delle sue opere più riconosciute, il San Serafione del 1628, un quadro affascinante che rivela l’intimo collegamento, esistente nell’arte spagnola del XVII secolo, tra scultura e pittura. Il modo in cui è ritratto il santo è infatti modo estremamente realistico, al punto che si ha quasi l’impressione di poterlo toccare.
E poi Ribera, con il suo Il senso del gusto, 1614-1616 circa, che rivela un evidente legame con il naturalismo e il chiaroscuro del Caravaggio. Quindi, Le Sueur in Francia e la Scuola fiamminga e olandese con Sweerts, Van Dyck e Hals, il più importante ritrattista di Haarlem nel secondo quarto del XVII secolo, con il Ritratto di Joseph Coymans, 1644, eseguito con pennellate vivace e indipendenti per tratteggiare la personalità dinamica del personaggio ritratto in conformità alle convenzioni della ritrattistica di quel tempo.

Castel Sismondo
Piazza Malatesta
47900 Rimini

Orari:
Da lunedì a venerdì: ore 9 - 19
Sabato e domenica: ore 9 - 20
Chiuso 24, 25, 31 dicembre 2010
1 gennaio 2011 ore 10 - 20

Info:
Call center
Tel. +39 0422 429999
Fax +39 0422 308272
biglietto@lineadombra.it



Biglietti:
Intero € 13,00
Ridotto € 11,00: studenti universitari con attestato di iscrizione, oltre i 65 anni, gruppi solo se prenotati (minimo 15, massimo 25 con capogruppo gratuito), iscritti TCI muniti di tesserino.
Ridotto € 8,00: minorenni e scolaresche solo se prenotate (con due accompagnatori a titolo gratuito).Ingresso gratuito per bambini fino a cinque anni, giornalisti con tesserino, accompagnatore di portatore di handicap.

http://www.lineadombra.it/caravaggio/lamostra.php

Villa Mylius apre alla città di Sesto San Giovanni


25/09/2010, 17,30
Villa Mylius, Largo Lamarmora, Sesto San Giovanni


Proposto da: Cultura
Telefono: 02/36574336-7
e-mail: culturasesto@sestosg.net



Villa Mylius apre alla città e presenta i nuovi spazi restaurati.
Nell’occasione sarà esposto il dipinto “Autoritratto” di Antonio Ligabue

Intervengono:
- Giorgio Oldrini, Sindaco
- Monica Chittò, Assessore alla Cultura
- Gianni Cervetti, Presidente della Fondazione Isec
- Mariella Enoc, Vice-presidente della Fondazione Cariplo
- Laura Barbanti, curatrice del restauro della Villa Mylius

Segue rinfresco. Vi aspettiamo!

L'opera sarà esposto al pubblico fino al 10 ottobre con i seguenti orari:
martedì, giovedì, sabato e domenica: dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.


Fonte: http://www.sestosg.net/

domenica 19 settembre 2010

Monet, Cézanne, Renoir e altre storie di pitture in Francia








23 ottobre 2010 - 27 marzo 2011

Questa mostra, costruita in modo particolare con dipinti provenienti dai musei di Boston, Montpellier e Lille, si compone di 30 opere, alcune di grande formato, che si collegano alla grande mostra riminese di Castel Sismondo (Parigi. Gli anni meravigliosi. Impressionismo contro Salon), ma, pur costituendone un logico proseguimento, in modo autonomo raccontano pagine significative della storia dell’arte in quegli “anni meravigliosi” che fecero di Parigi e della Francia il riferimento di un mondo. Si tratta, dunque, di una mostra di approfondimento, tutta costruita su quadri scelti perché emblematici in funzione del momento storico trattato.
Sulle pareti completamente rinnovate di un Palazzo Sums che si apre all’arte più importante, nel centro storico della Repubblica di San Marino, compaiono così quadri di grandi maestri, da Corot a Courbet, da Monet a Cézanne, da Renoir a Pissarro, da Sisley a Degas assieme ad alcuni pittori del Salon. Per indagare aspetti della vicenda artistica francese soltanto accennati nella contemporanea rassegna riminese.
Da qui nasce la preziosità di questa mostra, che non si limita a offrire emozioni ma intende proporre approfondimenti, come meravigliose finestre su decenni che hanno segnato l’arte e il gusto, in Europa e non solo.
È il caso, per citare un esempio, del bellissimo Riva fiorita a Vétheuil di Monet,
qui in uno dei suoi momenti artisticamente più felici. È la scelta di allontanarsi da Parigi, attratto dall’acqua limpida dei fiumi e dall’esplosione della natura. Il fiume è naturalmente la Senna, a Vétheuil, subito dopo la morte della prima moglie Camille e la decisione di lasciare il nido protetto di Argenteuil. Gli anni di Vétheuil sono certo tra i più difficili dal punto di vista esistenziale per il pittore francese, ma sono anche gli anni in cui egli getta stilisticamente le basi per quanto verrà compiendo, di lì a pochi anni, nel luogo magico di Giverny.
E anche i cavalli di Degas, impegnati in una corsa nell’ippodromo parigino di Longchamp, sono un esempio ulteriore di questo discorso per figure scelto per la mostra sanmarinese. Così come gli approfondimenti riservati all’opera di Pissarro e Sisley negli anni ottanta del XIX secolo, proprio perché vi possa essere un confronto attendibile con il Monet che lavora nello stesso momento a Vétheuil. O ancora quella gemma rara che corrisponde, quasi alla maniera di Manet, alla Petite italienne chanteuse des rues, che Bazille dipinge nel 1866 con un accento che si direbbe, ideale per il luogo, quasi felliniano. E che sarà messa in relazione con la Giovane curiosa di Betrand, artista di Salon. O i due ritratti ad Alfred Bruyas eseguiti da Couture e Courbet rispettivamente nel 1850 e 1854. E tutta la mostra procede così, in un continuo contrappunto di storie, a gettare luce inedita sulla pittura di quegli anni a Parigi e in Francia.

Palazzo SUMS
Via G. B. Belluzzi, 1 - San Marino
47890 - Repubblica di San Marino


Info:
Call center
Tel. +39 0422 429999
Fax +39 0422 308272
biglietto@lineadombra.it

http://www.lineadombra.it/



Biglietti:
privati
Intero € 5,00
Ridotto € 3,00: studenti universitari con attestato di iscrizione, oltre i 65 anni, iscritti TCI muniti di tesserino, minorenni.

http://www.lineadombra.it/sanmarino/lamostra.php

domenica 12 settembre 2010


Ingresso alle proiezioni: 3,50 €
dal 16 settembre 2010 al 7 ottobre 2010


Una rassegna/festival cinematografica sul tema del lavoro frutto della collaborazione tra tre soggetti promotori: il CGS Rondinella, Acli Lombardia attraverso la mediazione diretta del Circolo Acli S. Clemente di Sesto San Giovanni, e CISL Lombardia.
L’obiettivo è quello di stimolare la riflessione dei cittadini su alcune problematiche legate al mondo del lavoro, sia nel nostro contesto sociale che in quello di altri paesi, attraverso eventi cinematografici, musicali e teatrali in grado di coniugare riflessione ed intrattenimento. Da punto di vista filmico, verranno selezionati titoli significativi all’interno della produzione cinematografica recente che offrano lo spunto per la riflessione e il dibattito sui temi prescelti. Ogni proiezione si strutturerà come un evento, attraverso la presenza in sala dei registi, la partecipazione di esperti del mondo del lavoro, il coinvolgimento di addetti ai lavori o di altre persone che hanno avuto un ruolo primario nella realizzazione dell’opera e, quindi, idonei ad affrontare l’argomento del Cinema come Mestiere. Il festival si pone come obiettivo anche quello di allargare la prospettiva dal tema centrale del Lavoro a quello della Società, all’interno della quale avvengono gli effetti e le ricadute.
La proposta filmica è inoltre arricchita da uno spettacolo teatrale, degustazioni e momenti conviviali.


Programmazione:

Giovedì 16 settembre - TRA LE NUVOLE di Jason Reitman - USA 2009 - ore 21,15
Giovedì 30 settembre - PAGINE DI STORIA - LA FALCK di Alberto Barbagallo - ITALIA - ore 21,15

Lunedì 20 settembre - LE QUATTRO VOLTE di Michelangelo Frammartino - ITALIA 2010 - ore 21,15
Lunedì 4 ottobre - ERA LA CITTA' DEI CINEMA di Claudio Casazza - ITALIA 2010 - ore 20,00
- DI NE COSA NE SAI di Valerio Jalongo - ITALIA 2009 - ore 21,15

Giovedì 23 settembre - L'ALTRO OSPEDALE di Matteo Bini - 2007 - ore 21,15
Giovedì 7 ottobre - A COME...AMIANTO di Ulderico Pesce - ore 21,15

Lunedì 27 settembre - LA BOCCA DEL LUPO di Pietro Marcello - ITALIA 2009 - ore 21,15



http://www.cinemarondinella.it/

sabato 11 settembre 2010

MUNCH e lo spirito del nord - Scandinavia nel secondo ottocento


Villa Manin
Piazza Manin, 10
33033 Passariano di Codroipo (UD)


25 settembre 2010 - 6 marzo 2011


ORGANIZZAZIONE Linea d’ombra
Strada di Sant’Artemio 6/8
31100 Treviso
Tel. +39 0422 3095
Fax +39 0422 309777
info@lineadombra.it

http://www.lineadombra.it/

PRENOTAZIONI E INFORMAZIONI Call center
Tel. +39 0422 429999
Fax +39 0422 308272

biglietto@lineadombra.it


ORARI dal 25 settembre al 1 novembre: tutti i giorni ore 9-19
dal 2 novembre a fine mostra:
Da lunedì a venerdì: ore 9 - 18
Sabato e domenica: ore 9 - 19
Chiuso 24, 25, 31 dicembre 2010
1 gennaio 2011 ore 11 - 19

BIGLIETTI Intero €10,00

Ridotto €8,00 : studenti universitari con attestato di iscrizione, oltre i 65 anni, gruppi solo se prenotati (minimo 15, massimo 25 con capogruppo gratuito).
Ridotto €6,00: minorenni e scolaresche solo se prenotate (con due accompagnatori a titolo gratuito).
Ingresso gratuito per i bambini fino a sei anni, giornalisti con tesserino, accompagnatore di portatore di handicap.


COME ARRIVARE
A4 Venezia-Trieste, uscita Latisana
A4 Trieste-Venezia, uscita Palmanova; A23 Tarvisio-Udine-Venezia, uscita Palmanova
Ferrovia: Venezia-Udine, fermata di Codroipo. Dalla stazione prendere il taxi.
Aeroporto Marco Polo di Venezia e Ronchi dei Legionari di Trieste.

venerdì 10 settembre 2010

XII Sagra nazionale del gorgonzola 2010

Sabato 18 e domenica 19 settembre 2010 a Gorgonzola

Proponendosi come evento socio-culturale di grande rilievo per tutto il territorio della Martesana, la “Sagra del gorgonzola” non si limita a coinvolgere la sola cittadinanza gorgonzolese, ma si pone al centro di un territorio più ampio che racchiude diverse realtà. Ogni anno visitatori provenienti da ogni angolo della Lombardia, e non solo, hanno modo di apprezzare e condividere con tutti i cittadini gorgonzolesi elementi tipici della nostra città.
Mantenere vivi gli usi, i prodotti tipici di un territorio, conferisce valore a tutta la cittadinanza che ha così modo di far conoscere al di là delle “proprie mura” una tessere fondamentale del mosaico culturale di cui ogni cittadino fa parte.

Ricco il programma (con appuntamenti anche sabato 11, domenica 12, mercoledì 15, giovedì 16 e venerdì 17 settembre) della due giorni, sabato 18 e domenica 19 settembre, che festeggia e celebra il famoso erborinato cpn assaggi, degustazioni, convegni, spettacoli e persino appuntamenti pensati per i bambini.




Fonte: http://www.comune.gorgonzola.mi.it/

Il Peccato e la Vergogna con Gabriel GarKo e Manuela Arcuri




Riassunto della Terza puntata dell'8 settembre 2010

Giulio, appreso del licenziamento di Carmen, confessa al padre il suo ruolo nella spedizione dei bozzetti. Francesco, colpito dall'impegno del figlio nei confronti degli ebrei, gli svela la verità sulle loro origini, chiedendogli di tacere con i fratelli. Nel frattempo Carmen, che ha conosciuto la vera identità di Giancarlo Fontamara, si presenta a Gaeta dal ragazzo, per informarlo della sua gravidanza. Con drammatico stupore, apprende che il giovane rampollo non ha alcuna intenzione di assumersi le sue responsabilità. Ferita e delusa, Carmen decide allora di vendicarsi, seducendo Giulio: questi, da sempre innamorato di lei, ben presto le chiede di sposarlo.
Intanto Nito, con l'appoggio di Dilmo Duranti, continua la sua ascesa e viene nominato Commissario.
Carmen, pur in preda ai sensi di colpa, comunica a Giulio di aspettare un bambino. il ragazzo accoglie con gioia la notizia, ma rivela a Carmen che nelle sue vene scorre sangue giudeo. La donna viene accolta con grande calore da Francesco e da Elena Fontamara, mentre Elisa le manifesta subito tutta la sua antipatia. Inatteso arriva anche Giancarlo, che sbianca nell'apprendere che presto Carmen sposerà Giulio.
Anche la piccola Elisa è in preda ad un grande subbuglio amoroso. A casa di Arabella, fidanzata di Giancarlo, ha rivisto Nito Valdi che l'ha sedotta. Questa relazione, però, non è ben vista dai Fontamara. Elisa, che reputa i suoi genitori ferventi fascisti, non comprende il motivo di tanta ostilità.
La situazione precipita proprio la sera della festa di debutto in società di Elisa, che ha invitato l'amante, nonostante l'opposizione dei genitori. Quando Francesco vede Nito tra gli ospiti, ha un duro confronto con lui. Valdi giura vendetta.
I coniugi Fontamara, ormai alle strette, rivelano il segreto delle loro origini ad Elisa e a Giancarlo, ed il piano per lasciare l'Italia alla volta dell'America.
Carmen, per convincere Giulio a partire con i fratelli, confessa al fidanzato che il figlio che porta in grembo non è suo, tacendo però l'identità del vero padre.
Il giorno previsto per la partenza dei Fontamara, Elisa, sconvolta, scappa e si rifugia da Nito, a cui rivela ingenuamente il piano della famiglia per espatriare.
Mentre Francesco rimane a Roma per cercare la figlia, Elena, Giulio e Giancarlo partono alla volta di Genova dove si imbarcheranno per l'America. Sulla strada, purtroppo, li attende il mefistofelico Nito.


Fonte: http://www.tv.mediaset.it/canale5/il_peccato_e_la_vergogna

giovedì 9 settembre 2010

PANORAMICA – I FILM DAI FESTIVAL INTERNAZIONALI DI VENEZIA E LOCARNO


Milano, 15 – 23 settembre 2010

Anche quest’anno Milano, con il sostegno dell’Assessorato Cultura del Comune e l’organizzazione di Agis lombarda, presenterà dal 15 al 23 settembre la Panoramica dei film dal Festival di Venezia e i Pardi di Locarno.

Il primo giorno di proiezioni sarà interamente dedicato al Festival Internazionale del film di Locarno con la presentazione di cinque film, tra cui dal Concorso il film Pardo d’oro Han Jia del regista cinese Li Hongqi e Morgen di Marian Crisan, premio speciale della Giuria mentre dalla sezione Cineasti del Presente proviene Ivory Tower, diretto da Adam Traynor, Menzione Speciale della Giuria.

La Mostra di Venezia sarà invece rappresentata, nelle varie sezioni, da una significativa selezione di circa trenta film programmati in 7 sale cittadine (Anteo spazio Cinema, Apollo spazio Cinema, Arcobaleno Film Center, Eliseo Multisala, Mexico, Orfeo Multisala, Plinius Multisala).

PANORAMICA, giunta al suo trentunesimo compleanno, è oggi più che mai una manifestazione utile e significativa che nel corso degli anni ha man mano allargato il suo pubblico ben al di la dei cinefili milanesi fino a rappresentare, con oltre 30 mila sbigliettamenti, il “via” della stagione cinematografica della “Grande Milano”.

PANORAMICA permette al pubblico di conoscere opere di diverse cinematografie che difficilmente troveranno una distribuzione nel nostro Paese rafforza il ruolo e l’identità delle sale cinematografiche dedicate alla programmazione di film di qualità consente la visione di film in versione originale con sottotitoli in italiano


Il programma completo della manifestazione sarà pubblicato nel pomeriggio di venerdì 10 settembre sul sito http://www.lombardiaspettacolo.com/
e distribuito in allegato al Corriere della Sera di lunedì 13 settembre.

BIGLIETTI
Intero 7 euro;
Ingresso promozionale a 2 euro presentando all’Infopoint uno dei coupon pubblicati sul Corriere della Sera a partire da venerdì 10 settembre fino al 23 settembre;
Ridotto 5,50 euro (con tessere AGIS Vieni al Cinema, FNAC, Gnomo Milano Cinema);
Carnet per 8 ingressi a 32 euro

mercoledì 8 settembre 2010

La solitudine dei numeri primi


Un film di Saverio Costanzo.
Con Alba Rohrwacher, Luca Marinelli, Martina Albano, Arianna Nastro, Tommaso Neri, Vittorio Lomartire, Aurora Ruffino, Giorgia Pizzo, Isabella Rossellini, Maurizio Donadoni, Roberto Sbaratto, Giorgia Senesi, Filippo Timi.
Drammatico, durata 118 min. - Italia, Francia, Germania 2010.
Medusa in uscita venerdì 10 settembre 2010.

1984, 1991, 1998, 2007… Lungo questi anni le vite di Mattia e Alice scorrono parallele senza mai riuscire a congiungersi. Due infanzie difficili, compromesse da un avvenimento terribile che segnerà le fragili esistenze dei protagonisti fino alla maturità. Tra gli amici, in famiglia, sul lavoro, Mattia e Alice, portano dentro e fuori di loro i segni del passato. La consapevolezza di essere diversi dagli altri non fa che accrescere le barriere che li separano dal mondo fino a portarli ad un isolamento inevitabile ma consapevole.


Dal libro “La solitudine dei numeri primi” di Giordano Paolo
Trama:
Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d'esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza.

domenica 5 settembre 2010

1910/2010: OLTRE LE NUVOLE




A 100 anni dal primo sorvolo delle Alpi di Chavez, un viaggio tra le imprese, i luoghi e gli eroi che hanno contribuito a fare la storia dell’aviazione in Italia.
Il 23 Settembre 2010 ricorre il centenario della trasvolata delle Alpi compiuta da “Geo” Chavez.
La Provincia di Milano, in partnership con l’Aeronautica Militare, il Museo Nazionale della
Scienza e della Tecnologia organizza una serie di eventi celebrativi, in occasione del centenario
della prima trasvolata delle Alpi.
Tutti gli eventi sono ufficialmente parte delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

EVENTI IN PROGRAMMA
• 19 Settembre - Idroscalo Ammaraggio di idrovolanti, tra cui il Sikorsky S38 del 1928 ed il Caproni CA 100 del 1935

• Dal 23 Settembre - Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Al Padiglione Aeronavale del Museo apertura al pubblico del percorso espositivo dedicato al
Circuito Aereo Internazionale del 1910 e all’impresa di Geo Chavez.

• 25 Settembre - Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Serata-evento presso Padiglione Aeronavale con interventi di Prof. Urbani - Presidente Museo S&T, On. Podestà - Presidente Provincia di Milano, Laura Mancuso, Presidente Fondazione d’Arrigo, Prof. Martini, autore del volume Geo Chavez. Il primo trasvolatore delle Alpi e concerto in chiusura di Franz Di Cioccio, voce e batteria della PFM, uno dei più importanti musicisti della storia della musica italiana, e Remo Anzovino, uno dei più prestigiosi compositori di musiche da film italiano.

• 4 Ottobre - Palazzo Isimbardi
Convegno: “1910 - 2010. Da Chavez a D’Arrigo. L’aviazione in Italia vista attraverso la storia degli
eroi, dei luoghi e delle aziende protagonisti di 100 anni entusiasmanti”.
Interverranno alcuni tra i più importanti storici della storia dell’aviazione in Italia come il Prof. Caprara ed il Prof. Alegi oltre ad un “eroe” dei nostri tempi, il Comandante Cheli - pilota di Space Shuttle - ed il Prof. Cardani del Politecnico di Milano.
Contestualmente ci sarà l’apertura al pubblico a Palazzo Isimbardi, e visitabile fino al 24 Ottobre,
della mostra “LE ALI DI ICARO”, per raccontare la storia di personaggi italiani che seppero
appassionare un’intera nazione, diventando eroi o miti.
Sarà anche esposta la replica del monoplano Bleriot XI con cui Chavez sorvolò le Alpi.

• 11 Ottobre - Mostra-Convegno a Malpensa presso il Museo di Volandia


http://www.provincia.milano.it/

sabato 4 settembre 2010

Gabriel Garko e Manuela Arcuri nella fiction "Il Peccato e la Vergogna"


Riassunto delle prime due puntate andate in onda su Canale 5 il 1 e il 2 settembre 2010.

Roma, metà degli anni '30.
Il giovane Nito Valdi (Gabriel Garko) esce dal carcere dopo aver scontato una breve condanna.
Ad attenderlo c'è Toni (Giovanni Scifoni), il suo unico amico, conosciuto in orfanotrofio, dove Nito, ancora bambino, era stato abbandonato dalla madre.
I due ragazzi cominciano a lavorare per il Bisonte (Massimo Corvo), un temibile boss, che dà loro l'incarico di punire un suo debitore.
Nito, però, non riesce a contenere la violenza ed il poveretto finisce per perdere un occhio.
Valdi si reca in ospedale per minacciare la sua vittima ma al capezzale dell'uomo vi trova la figlia, la bellissima e vivace Carmen (Manuela Arcuri), di cui si innamora perdutamente.
Carmen, che con il suo lavoro di modella in una scuola d'arte mantiene la madre Mina e la sorellina Stella, è conquistata da Nito, che le promette di sposarla.
Ben presto, però, la giovane scopre la vera natura di Valdi e non esita a lasciarlo.
Intanto Carmen, una mattina, correndo in bicicletta, si scontra involontariamente con Giulio (Eros Galbiati), laureando in medicina, secondogenito di Francesco ed Elena Fontamara, ricchi commercianti fedeli al fascismo.
E' un incontro fugace ma per Giulio è un vero colpo di fulmine.
Mentre il ragazzo cerca il modo di ritrovare la bella fanciulla, il fratello maggiore Giancarlo prepara le nozze con la nobile Arabella Casati.
Gli spensierati ragazzi non immaginano lontanamente la sconvolgente notizia appena appresa dai genitori: la madre, Elena, ha origini ebraiche, quindi, secondo le nuove leggi sulla razza, lei ed i suoi figli sono ebrei!
Nel frattempo Nito, ossessionato da Carmen, ed accecato dall'ennesimo rifiuto della ragazza, tenta di farla prostituire, costringendola ad entrare alla Rosa Rossa, il bordello del Bisonte, per ripagare i debiti contratti dal padre.
Qui i due conoscono la tenutaria, la volitiva Bigiù (Giuliana De Sio)...
Carmen (Manuela Arcuri), grazie all'intervento di Giulio (Eros Galbiati), ormai innamorato di lei, inizia a lavorare come commessa nel negozio Fontamara, dove conosce lo scavezzacollo Giancarlo (Francesco Testi).
Ma Carmen non sa che Giancarlo è il fratello del suo benefattore.
Infatti il ragazzo si presenta con un falso nome, Mario.
Carmen viene sedotta e poi abbandonata dal giovane rampollo proprio quando scopre di esserne rimasta incinta.
Nito (Gabriel Garko) intanto circuisce la giovane e bella Elisa Fontamara (Victoria Larchenko) ma al solo scopo di spiare le mosse di Carmen e Giulio.
Intanto Bigiù (Giuliana De Sio) teme per la sua incolumità, dopo che Nito ha inciso sotto i suoi occhi il commissario Del Buono (Pierpaolo Lovino).



Fonte: http://www.tv.mediaset.it/canale5/


Guiderdone Banino: una festa tra folklore e storia




Manifestazione nata nel 1992 su intuizione di Vincenzo Fiorani, storico locale, che ha suddiviso il Borgo di San Colombano in 8 Rioni.
Il Palio da conquistare consiste in una riproduzione in bronzo di un’antica torre del castello detta “Cingolina” che viene messa in gioco ogni anno nella 3a Domenica di Settembre e tenuta poi dal Rione vincitore per 12 mesi.
Da alcuni anni il Palio consiste in un Torneo di Quintana a cavallo dove 8 cavalieri abbinati dalla sorte ad ogni singolo rione eseguono la Giostra del Saraceno e degli Anelli; in una Giostra Medioevale, che è prova di equilibrismo, velocità e destrezza.
Inoltre sempre durante il Palio si effettua un torneo di arcieri appositamente scelti tra i vari Rioni per conquistare l’investitura di Arciere di Corte dell’anno.
Durante la giornata le vie del centro storico sono addobbate a festa e sulla torre principale
del castello sventola la bandiera con i colori del rione che detiene il Palio.

17-19/09/2010

Programma:
Venerdì 17 Settembre - Aspettando il Guiderdone...
Tavolata conviviale alla presenza della Corte per le vie del Borgo antico: giullari, mangiafuoco,
saltimbanchi, musici allieteranno i preseti sino a tarda sera nelle vie principale del paese. Per
l’occasione sarà possibile visitare le sale del Castello dove sarà allestita una mostra di strumenti musicali antichi.

Sabato 18 Settembre - Serata a Corte
Rappresentazione medioevale nel cotile interno del Castello

Domenica 19 Settembre - Guiderdone Banino con Palio dei Rioni
Santa Messa nel cortile del Castello alla presenza dei Rappresentati rionali in costumi d’epoca.
Apertura locanda medioevale
Sfilata storica in costumi d’epoca
Torneo di spade e giostra medioevale, torneo di arcieri e a seguire Quintana a cavallo con 8
cavalieri che si contenderanno il Palio detto Cingolina.
Al termine premiazione del Rione vincitore

LA PARTECIPAZIONE A TUTTA LA MANIFESTAZIONE È COMPLETAMENTE GRATUITA

Associazione Rioni del Borgo Insigne - San Colombano al Lambro
Per informazioni:
Comune di San Colombano - http://www.rioni-sancolombano.it/

Un giorno a Villa Arconati di Bollate


Promosso da Comune di Bollate e Polo Culturale Insieme Groane. Proposte diversificate per una giornata speciale. Misteriosi incontri con i personaggi del Settecento che raccontano gli aneddoti e i segreti della villa; visite animate ai giardini e ai saloni della villa; speciali visite botaniche; ingresso alle cantine; ambientazioni storiche nelle sale e rievocazione di antichi mestieri; intrattenimenti musicali e performance teatrali; letture recitate nei giardini; laboratori per bambini; passeggiate nel parco e tante altre sorprese. Ristoro e possibilità di pranzare nei giardini per vivere davvero un giorno intero insieme ai nobili Arconati. Visita guidata gratuita alla villa; ingresso ai giardini a pagamento (gratuito bambini fino a 11 anni).


26 settembre 2010

Visita guidata gratuita – Ingresso ai giardini a pagamento;
Per informazioni 02 35005501
Prenotazione: Obbligatoria;
Telefono prenotazioni: 800474747
Orario: 10.00 – 18.00
Telefono: 02 35005501
Fax: 02 35005513
e-mail:
cultura@comune.bollate.mi.it
Sito Web:
http://www.insiemegroane.it


Bollate, Villa Arconati Bollate
Via Fametta – Castellazzo di Bollate (MI)

Telefono: 02 35005501
Fax: 02 35005513
e-mail:
cultura@comune.bollate.mi.it
Sito web: http://www.insiemegroane.it

giovedì 2 settembre 2010

Festival Verdi 2010


FESTIVAL VERDI
Parma e le terre di Verdi
1-28 ottobre 2010

Teatro Regio di Parma
1, 5, 9, 15, 18, 23, 26, 28 ottobre 2010
Il Trovatore
Musica di GIUSEPPE VERDI

Teatro Regio di Parma
10, 13, 17, 20, 24 ottobre 2010
I Vespri siciliani
Musica di GIUSEPPE VERDI

Teatro Verdi di Busseto
14, 16, 19, 21, 25, 27 ottobre 2010
Attila
Musica di GIUSEPPE VERDI

Il Festival Verdi a Reggio Emilia
Conversazioni con Chomsky e Kontakthof AB14

Concorso Internazionale Arturo Toscanini
Premio Giuseppe Sinopoli

I vent’anni del Trio di Parma
L’omaggio del Festival Verdi

Concerti in Auditorium
La musica contemporanea al Festival Verdi

Il Festival Verdi a Fidenza
Recital al Magnani

Il Festival Verdi a Fontanellato
Il Maestro alla Rocca dei sancitale

Il Festival Verdi a Fontevivo
Verdi all’ombra dell’Abbazia

Il Festival Verdi a Torrechiara
La mostra dedicata a Renata Tebaldi, incontri e concerti

Il Festival Verdi per i giovanissimi
Imparolopera
Il Gioco dell’Opera
I trucchi del mestiere
Tu conosci Verdi?