sabato 5 marzo 2011

Happy Tech. Macchine dal volto umano







Per tutti i non appassionati di Big Bang Theory che trovano la scienza un erudimento noioso e soporifero, Happy Tech risulterà un interessante proposta, sicuramente non nuova, nel panorama artistico contemporaneo.
Dopo Bologna, La Scienza In Piazza approda alla Triennale di Milano con una mostra inedita di arte e scienza, che verte sul rapporto dell’uomo con le nuove tecnologie.
La mostra si propone di esplorare il lato positivo del rapporto uomo-tecnologia attraverso le opere di artisti di fama internazionale come Tony Cragg, Cao Fei, Martino Gamper, Rainer Ganahl, Candida Höfer, Alfredo Jaar, Thorsten Kirchhoff, Armin Linke, Vik Muniz, Mark Napier, Tony Oursler, Pipilotti Rist, Thomas Ruff, Tom Sachs, Bill Viola.
Tecnologie a misura d’uomo, ovvero che estendono la nostra natura, permettono, abilitano, sviluppano e potenziano le caratteristiche, le capacità e le ispirazioni umane migliori, ispirando le opere dei suddetti artisti.
L’appuntamento di Milano sarà arricchito da una sezione introduttiva dedicata ai precursori/visionari Bruno Munari, Piero Fogliati, Nam June Paik e John Godfrey, artisti che nei decenni passati intuirono le potenzialità rivoluzionarie delle nuove tecnologie ma anche la necessità di non farsene sovrastare, intrattenendo con esse un rapporto giocoso, umanizzato, aperto all’utopia.

Milano, Triennale Bovisa
Via R. Lambruscini, 31

22 febbraio - 31 marzo 2011

Orari di apertura: Mar, Mer e Ven, Sab e Dom 11.00 - 21.00
Giov 11.00 - 23.00 Lunedì chiusura settimanale.
Ingresso gratuito

Mezzi pubblici per raggiungere la sede espositiva:
passante ferroviario stazione di Villa Pizzone - Ferrovie Nord Stazione Nord Bovisa
tram 1,3 - autobus 82,92.

Nessun commento:

Posta un commento