martedì 24 maggio 2011

Aida colossale a Milano – opera spettacolo di Giuseppe Verdi

L'evento colossale in Italia avrà luogo allo Stadio Meazza di San Siro, Milano, con 600 artisti, grande coro, orchestra e balletto, solisti internazionali come il soprano Dimitra Theodossiou nel ruolo di Aida, Walter Fraccaro nel ruolo di Radames e Tichina Vaughn nel ruolo di Amneris. Per la prima volta la lirica avrà lo scenario dello stadio più grande d'Europa a San Siro con una scenografia monumentale di 60 metri, costumi sfarzosi e attrezzeria originale egiziana.

La storia d'amore della schiava etiope AIDA innamorata del condottiero Radames, che tradisce la patria per amore di AIDA e preferisce morire con l'amata, anziché' vivere senza di lei.

La terz'ultima opera composta da Giuseppe Verdi è stata commissionata dal Viceré d'Egitto per l'inaugurazione del Teatro Italiano dell'Opera al Cairo ed è dal 1872 l'opera più esibita al mondo per la musica spettacolare, la grande coreografia, la marcia trionfale e le maestose scenografie.



Sabato 11 giugno 2011 – ore 20,30
Stadio Meazza San Siro - Milano



Prezzi dello spettacolo:

Parterre € 142,56
Tribuna VIP € 118,80
Primo Anello Rosso Intero € 71,28
Primo Anello Rosso Ridotto € 64,15
Primo Anello Verde Intero € 59,40
Primo Anello Verde Ridotto € 53,46
Primo Anello Blu Intero € 59,40
Primo Anello Blu Ridotto € 53,46
Secondo Anello Rosso Intero € 41,58
Secondo Anello Rosso Ridotto € 38,02
Secondo Anello Verde Intero € 29,70
Secondo Anello Verde Ridotto € 26,68
Secondo Anello Blu Intero € 29,70
Secondo Anello Blu Ridotto € 26,68

giovedì 12 maggio 2011

La spedizione dei mille. Fatta l'Italia rifacciamo gli italiani


14/05/2011
Ora: 17.30

partenza dal Rondò, piazza IV Novembre e arrivo al Carroponte in via Granelli 1, Sesto San Giovanni
Costo: gratuito


Proposto da: Cultura
Telefono: 02/36574336
e-mail: culturasesto@sestosg.net


Dal Rondò al Carroponte, i “nuovi italiani” in una marcia festosa per una nuova unità ed una nuova integrazione. Partecipa anche tu!


Decine di eroici neo-italiani, dai molteplici colori di pelle ma tutti in camicia rossa, si trovano al Rondò di Sesto e da qui proseguono insieme verso il Carroponte.

Un modo inedito di celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Vuoi far parte dei nuovi garibaldini in camicia rossa?

E’ aperta la campagna d’arruolamento, basta inviare una mail a imille@radiopopolare.it

Non bisogna superare visite mediche, basta essere ‘migranti’ o stranieri di prima, seconda o terza generazione. Ovviamente nessuna discriminazione di sesso, età e fede religiosa.


Il Viale delle Rose nel Parco Giardino Sigurtà (Verona)






Nel mese di maggio chi visiterà questo angolo di verde non potrà perdersi lo spettacolo del Viale delle Rose: una romantica passeggiata lunga un chilometro accompagnati da 30.000 esemplari di Rose rifiorenti che si presentano in due varietà: Queen Elizabeth e Hybrid Polyantha & Floribunda. Sullo sfondo, il Castello Scaligero di Valeggio sul Mincio che, grazie ad un effetto ottico, sembra trovarsi all’interno del Giardino. Un’immagine che ha reso celebre il Parco Giardino Sigurtà in tutto il mondo e che ogni anno affascina centinaia di migliaia di visitatori. Tuttavia non sono solo le fioriture le attrazioni naturali di questo tesoro naturalistico: non ci si può infatti perdere la Grande Quercia, che con i suoi quattro secoli d’età è l’albero più longevo del Giardino, i Laghetti Fioriti al centro del Grande Tappeto Erboso, l’Eremo, tempietto in stile neogotico, il Castelletto, sede di tavole rotonde di scienziati e premi Nobel, e i diversi angoli ricchi di storia e di fascino.

Informazioni:
Via Cavour, 1
37067 Valeggio sul Mincio (Verona)

Tel. 045/6371033
Fax 045/6370959


dal 1/5 al 31/5/11


mercoledì 11 maggio 2011

Arte e Natura


5° Esposizione Interregionale Artigianale, Artistica e Floreale ispirata alla Natura
Sabato 21 e Domenica 22 Maggio 2011

Villa Borromeo Visconti Litta
Lainate (MI)

Orario continuato: 10.00 – 19.30
Ingresso gratuito

Arte & Natura è una splendida esposizione di artigianato artistico di qualità e florovivaismo, tutto a tema "natura".
Il nome di questo evento, molto seguito ed apprezzato dal pubblico, nasce, alcuni anni fa, proprio dal contesto storico, artistico, architettonico e naturale di Villa Borromeo Visconti Litta, con i suoi giochi d’acqua originari del 1500, unici, con le sue caratteristiche, in tutta Europa.
Arte & Natura aspetta i suoi fedeli visitatori e quelli nuovi che giungeranno nello storico e suggestivo contesto rinascimentale e settecentesco di Villa Visconti Borromeo Litta di Lainate, il 21 e 22 Maggio 2011 per un’immersione nella natura, nell’arte e nella creatività.

domenica 8 maggio 2011

Festa della Mamma


Questa festa ha origini molto lontane, infatti secoli addietro venivano fatti antichissimi riti pagani che duravano diversi giorni, per festeggiare la rinascita della primavera ed il rifiorire della natura ed erano chiamati i giorni della "Grande Madre", simbolo di fertilità. Anche nell'antica Grecia gli elleni dedicavano alle loro genitrici un giorno dell'anno, con la festa in onore della dea Rea, madre di tutti gli Dei, mentre gli antichi romani usavano festeggiare per una settimana intera la divinità Cibele che simboleggiava madre natura e tutte le genitrici.

La nascita dell'attuale festa della mamma risale invece al XVII secolo e proviene dall'Inghilterra, dove cominciò a diffondersi la tradizione del "Mothering Sunday" che coincideva con la quarta domenica di Quaresima. In occasione di tali festeggiamenti venivano regalate le rose rosse alle mamme e preparato il tipico dolce il "Mothering cake", a base di frutta.

Solamente verso i primi anni del 1900 questa usanza arrivò anche in America ed in alcuni paesi europei e venne stabilito che la data per il festeggiamento doveva essere la seconda domenica di Maggio.

AUGURI A TUTTE LE MAMME

sabato 7 maggio 2011

In uscita il primo disco «Let Them Talk» di Hugh Laurie



Il 10 maggio arriva in Europa «Let Them Talk», il primo disco solista di Hugh Laurie, il dr. House dell’omonimo telefilm..


Prodotto da Joe Henry e registrato tra Los Angeles e New Orleans, l’album è una celebrazione del blues di New Orleans, un genere da sempre molto vicino all’anima musicale di Hugh. «Let Them Talk» mette insieme una straordinaria selezione di canzoni appartenenti al patrimonio culturale americano, celebri musicisti e vere leggende del canto per sostenere questo repertorio troppo spesso trascurato. «Ho infranto una delle regole basi di chi fa questo mestiere: gli attori devono recitare e i musicisti suonare» dice Laurie. «E’ così che funziona. Non compri pesce dal dentista, né chiedi consigli finanziari a un idraulico… quindi perché ascoltare la musica di un attore? La risposta è che non c’è risposta. Se ti preoccupa la provenienza e la genealogia, allora dovresti cercare altrove, non ho niente per te».


Invito alla lettura

L'Atlante di Smeraldo di John Stephens
È la notte di Natale e Kate avrebbe voluto rimanere sveglia, ma i suoi occhi di bambina alla fine si sono arresi al sonno. Sono le mani di sua mamma a scuoterla e svegliarla di colpo: sta succedendo qualcosa. Qualcosa di brutto.
Kate ha solo quattro anni, suo fratello Michael due, Emma è appena nata. Questa è l’ultima volta in cui vedranno i loro genitori. Dieci anni e moltissimi orfanotrofi dopo, i tre fratelli si imbarcano per quello che pare sia l’ultimo istituto disposto ad accoglierli: Cambridge Falls.
Ma quando arrivano nella enorme casa tutta sbilenca, piena di torri, sotterranei e sale colme di bizzarrie, molte sono le domande che si affacciano alla loro mente.
Come mai non ci sono altri bambini? Chi è l’enigmatico dottor Pym, il direttore di quello strano orfanotrofio? E soprattutto, cos’è quell’inquietante libro dalle pagine bianche e dalla copertina verde che sembra brillare di luce propria nel buio della camera segreta?
Questa è la storia di Kate, che da sempre si prende cura dei fratelli, aggrappandosi alla disperata certezza che un giorno i suoi genitori torneranno a prenderli.
Questa è la storia di Michael e della sua passione per le storie fantastiche.
Questa è la storia della piccola Emma, che sembra non temere niente e nessuno al mondo, ma ha nel cuore la paura più grossa di tutte: quella di perdere i suoi fratelli.
Questa è la storia di tre bambini inseguiti da un potere oscuro e minaccioso.
Questa è la storia di tre ragazzi e del libro che cambierà per sempre il loro destino.


Ultimo quarto di luna di Chi Zijian
“A me non piace l’idea di dormire in una stanza dalla quale non si vedono le stelle.” Così inizia Ultimo quarto di luna. A raccontare è una donna di novant’anni, una evenchi, appartenente al popolo delle renne che si muoveva lungo il fiume Argun, agli estremi confini settentrionali della Cina. Per secoli la sua gente era vissuta a contatto con la natura, con la sua bellezza e la sua crudeltà. La vita era semplice: gli uomini cacciavano, le donne accudivano i figli e le renne, e conciavano pelli che commerciavano con i rari russi che capitavano dalle loro parti. Ma con l’invasione giapponese della Manciuria, gli evenchi vengono stanati dalle loro foreste, sono costretti a combattere, a scegliere da che parte stare. E dopo la guerra entrano a far parte della nuova repubblica popolare cinese che li incoraggia a trasferirsi nelle città. Alcuni si integrano, altri si trovano emarginati in una società che non capiscono. Intanto le loro foreste vengono abbattute. Chi sceglie di tornare alla foresta ormai si sente senza radici, senza identità, tranne la narratrice che sa di dover tornare, adesso che è alla fina, là dove la sua storia ha avuto inizio.


La dodicesima illuminazione di James Redfield
La via per raggiungere la felicità era svelata, mancava solo il dodicesimo precetto, un insieme di frammenti da ricostruire per comporre il puzzle dell’illuminazione. Protagonista di un successo planetario con la Profezia di Celestino, James Redfield torna ad interpretare misteri e rivelazioni per liberare dal sonno della coscienza l’umanità e lo fa con questo strepitoso volume, La dodicesima illuminazione. Rivelatore è già il titolo infatti nella prima pubblicazione, quella di Celestino per l’appunto, nove intuizioni erano state elencate e Redfield aveva provveduto a dare un seguito a questo percorso evolutivo con La decima illuminazione e Il segreto di Shambhala. Ora giunge a noi l’ultimo tassello, il frutto di peregrinazioni filosofiche e religiose, un insieme di spiritualità e auto interpretazione. Questo dono non è però facile da raggiungere infatti in La dodicesima illuminazione i pericoli non si fanno attendere. E i nemici neppure. Inseguimenti, colpi di scena e suspense caratterizzano questa storia adrenalinica in cui la rivelazione finale e il ritrovamento del manoscritto in cui è contenuta la dodicesima illuminazione sono un risultato che va guadagnato con la fatica fisica e mentale. Redfield riesce così, come sempre, a mescolare racconto e saggio filosofico, avventura e profonda speculazione mentale in un mix irresistibile. Gli esseri umani – ci dice l’autore - sconnessi per lo più alla fonte cosmica dell’energia, tendono a manipolare gli altri per ricevere attenzione e quindi calore universale. Da questo concetto nasce la lotta per il potere e il suo inesauribile confine. Molti sono i concetti che James Redfield riprende dai precedenti successi letterari e li amplifica, li spiega e li interpreta per aiutare l’uomo a capire meglio il suo comportamento. Chiarire il passato, lasciarci guidare da sogni, visioni, intuizioni e soprattutto fare attenzione a non perdere il collegamento interiore impegnandoci in relazioni sentimentali esteriorizzanti sono solo alcuni dei punti presenti nel libro. Milioni di persone si sono fatte guidare da Redfield e sono pronte ora con La dodicesima illuminazione a guardare meglio dentro di sé per inserirsi in un mondo che dovrebbe aver raggiunto il culmine della propria consapevolezza spirituale. Solo se seguirà i dodici insegnamenti per svegliarsi da un sonno ormai rivelatore.


L'anello di Salomone di Jonathan Stroud

"Balkis smise di sorridere. Si alzò dalla poltrona. «E la più impudente delle richieste! Salomone non ha alcun diritto di attingere dalle ricchezze di Saba esattamente come non ha nessun diritto su di me!»
«Avrai sentito» disse il giovane, «che Salomone possiede un anello magico con cui può radunare un esercito di spiriti in un batter d’occhio. È per questo motivo che i re di Fenicia, Libano, Aram, Edom e Tiro, e molti altri, gli hanno già giurato fedeltà e amicizia. Pagano ingenti tributi annuali in oro, legname, pellami e sale, e si ritengono fortunati perché così è risparmiata loro la rovina».
«Saba è un regno antico e sovrano» disse Balkis con freddezza. «E la sua regina non piegherà le ginocchia davanti a qualsivoglia infedele straniero. Puoi tornare a riferirlo al tuo padrone»."


L'anello dei ghiacci di Michael Ridpath

Islanda. Dintorni di Reykjavík. Il cielo non è mai stato così scuro e minaccioso. Le nuvole basse quasi toccano le nere acque del lago. Il detective Magnus Jonson vede a malapena il corpo, immerso nella foschia. È il cadavere di Agnar Haraldsson, uno dei più importanti studiosi dell’opera di Tolkien. La sua è una morte apparentemente assurda. Ma forse una spiegazione c’è, o quantomeno un indizio. Perché il professore, poco prima di morire, era entrato in possesso di un’antica saga nordica. Un prezioso manoscritto vecchio di ottocento anni, forse la saga da cui Tolkien ha preso ispirazione per scrivere Il Signore degli Anelli. Ma del manoscritto e dei due uomini misteriosi che stavano trattando con lo studioso per impadronirsene si sono perse le tracce. Magnus non ha dubbi: deve ritrovarli e capire cosa faccia parte del mito e cosa della realtà. C’è una sola strada, scavare nel passato del professore. Un passato pieno di attività poco pulite e di personaggi inquietanti. Come l’enigmatica Ingileif. Dura e ribelle, ha vissuto un’infanzia segnata dalla tragedia e dalla menzogna. E non si fida di nessuno. Come Magnus, del resto. Anche lui è cresciuto in mezzo alla morte. E forse è l’unico in grado di conquistare la sua fiducia della ragazza. Perché è di lei che ha bisogno. È nei misteri della sua famiglia che si annida la verità. Una verità spaventosa. Un thriller mozzafiato. Balzato in testa alle classifiche inglesi a pochi giorni dall’uscita, ha consacrato Michael Ridpath nell’olimpo dei grandi autori del thriller. Un autore che ha conquistato un milione di lettori solo in Inghilterra, ora in via di pubblicazione in tutto il mondo. Sullo sfondo di una terra di grande fascino, dominata dal freddo e dal buio, L’anello dei ghiacci ci fa penetrare nei meandri più sconosciuti e pericolosi dell’animo umano. Dove a regnare è solo l’oscurità.

mercoledì 4 maggio 2011

Orticola 2011 di Lombardia

Da venerdì 6 a domenica 8 maggio 2011 ai Giardini Pubblici “Indro Montanelli”

Dal 1996 è l’apertura ufficiale della bella stagione!
E anche nel 2011 ai Giardini Pubblici Indro Montanelli di via Palestro a Milano da venerdì 6 a domenica 8 maggio va in scena Orticola, mostra-mercato di fiori, piante e frutti insoliti, rari e antichi per appassionati giardinieri, amanti della natura e del verde e semplici curiosi.
Sotto la regia attenta e professionale di Orticola di Lombardia, i vivaisti piccoli e grandi, interpreti principali della mostra, presentano i risultati del loro lavoro, svolto con passione e costanza: piante rare e insolite, antiche riscoperte e conservate, nuove varietà botaniche.

La XVI edizione si annuncia ricca di appuntamenti e iniziative.

Ingressi alla Mostra:
Via Palestro (Metro Palestro),
Piazza Cavour, Via Manin.
Orari: dalle ore 10,00 alle ore 19,00


www.orticola.it

martedì 3 maggio 2011

Arte sul Naviglio Grande a Milano

Sabato 7 e Domenica 8 Maggio 2011

E' una delle prime manifestazioni di pittura a "cielo aperto"organizzate dall'Associazione del Naviglio Grande fin dagli anni '80 lungo le sponde del Naviglio Grande di Milano.

Inizialmente nata come esposizione spontanea dei pittori della zona, è divenuta oggi un tradizionale appuntamento per oltre 200 appassionati di pittura.

Per l'edizione 2011 ufficializzata dall'artista triestino Filiberto Bartoli la presenza di uno stand dedicato all' Art in Box. Durante lo svolgimento della manifestazione tutti i negozianti della zona, cosi come tutti i locali di ristoro, e i numerosi atelier d'Arte restano aperti per rendere piacevole la giornata di visita alla mostra.


Sabato 09:00 - 18:30
Domenica 09:00 - 18:30

Metro - MM2, Porta Genova
Bus - 2, 3, 9, 29/30, 47, 74

Arriva il Palio di Legnano

14 E 15 MAGGIO 2011 CASTELLO DI LEGNANO

Castello in festa con giochi e fuochi. Un week-end da trascorrere immersi nell’atmosfera di un
borgo medievale, ricostruito intorno e dentro le mura del Castello di Legnano, tra bancarelle,
botteghe di artigiani e accampamenti, con la possibilità di assaporare la vita nel Medioevo e di
interagire con i personaggi in costume d’epoca.

Assaggi di diversi tipi di pane e dolciumi che escono caldi e fragranti dal forno della Associazione Panificatori Legnano e zona.



29 MAGGIO 2011 - IL PALIO: SFILATA STORICA E GARA IPPICA

Piazza Carroccio, Stadio comunale “G. Mari”

Si comincia alle 10 del mattino, nello scenario della ritrovata piazza San Magno, con la celebrazione della Messa sul famoso Carroccio, simbolo della resistenza di quel lontano 29 maggio 1176, alla quale seguirà la tradizionale investitura religiosa dei Capitani delle otto Contrade e la benedizione dei cavalli e dei fantini che nel pomeriggio si sfideranno per la conquista della Croce di Ariberto.

Nel pomeriggio, l’imponente corteo storico, composto da oltre 1200 figurati in costume medievale partirà da Piazza Carroccio e, dopo aver attraversato la città e reso omaggio alla famosa statua di Alberto da Giussano, giungerà al campo, dove preceduto dalla carica della Compagnia della Morte, si svolgerà il Palio delle Contrade, l’appassionante gara ippica.



domenica 1 maggio 2011

Van Gogh e il viaggio di Gauguin


Martedì 3 maggio 2011 alle ore 11.45
Aula Magna UniCredit. Anteprima assoluta per la stampa della mostra Van Gogh e il viaggio di Gauguin

 
Aula Magna UniCredit
via Tommaso Grossi 10
Milano


Conferenza stampa di presentazione della grande mostra Van Gogh e il viaggio di Gauguin


Parleranno
Federico Ghizzoni, amministratore delegato Gruppo UniCredit
Marta Vincenzi, sindaco di Genova
Luca Borzani, presidente Palazzo Ducale
Gaspare Lucchetta, amministratore delegato Gruppo Euromobil


Dopo i saluti di introduzione
Marco Goldin presenta la mostra raccontando anche le linee guida dello spettacolo teatrale che nel prossimo
mese di ottobre anticiperà i contenuti dell'esposizione.
Letture di Gilberto Colla.
Musiche di Mauro Martello (flauti)
Renzo Ruggieri (fisarmonica)
Piero Salvatori (violoncello)


Informazioni:
Studio Esseci
049 663499
Sec Relazioni Pubbliche e Istituzionali
02 624999 1
Linea d'ombra
0422 3095